mercoledì 1 agosto 2012

Pretty pomodori spumeggianti


Pretty woman, walking down the street  
Pretty woman, the kind I'd like to meet
Pretty woman, I don't believe you, it must be true
No one can look as good as you

Vivian Ward si trova su una delle street più conosciute e malfamate della splendente Hollywood, attendendo il suo cliente della serata. Edward Lewis, approfittatore di fallimenti finanziari ed abile cogli affari del commercio, la incontra quella stessa sera e decide di fare di lei una vera signora. La prostituta accetta di stare con lui per un’intera settimana, venendo pagata profumatamente. Non sogna di certo di trovarsi davanti alla svolta della sua vita. Comincia per lei il periodo d’addestramento: libri sulla testa, camminate suadenti, posate d’argento, piatti decorati, vestiti non più trasandati, vasca con idromassaggio. Vivian scopre un nuovo modo di essere se stessa, con un po’ di classe in più. Innamoratasi di Edward, che rivela il suo affetto vincendo la terribile paura della vertigine e facendo cessare la sua crudele attività, la donna dai modi bruschi, dal caschetto finto, dal trucco eccessivo e dagli stivaletti di pelle, si tramuta in una bellezza mozzafiato, una principessa che ha scovato la sua strada, molto più linda e luccicante di quella in cui attendeva la clientela notturna, ma non per questo meno reale.

La commedia Pretty woman, diretta da Garry Marshall, interpretata magistralmente da due divi conosciutissimi, Julia Roberts nel ruolo di Vivian e Richard Gere nei panni di Edward, coinvolge e diverte, facendo comunque riflettere lo spettatore. La favola romantica si realizza, ma c’è di più: chi guarda il film cambia assieme alla protagonista, notando un mutamento faticoso ma sorprendente.

Il piatto che ho preparato mi sembra perfettamente in linea con il significato e il senso della commedia. I miei Pretty pomodori spumeggianti rappresentano il carattere e la personalità del personaggio centrale del film. Il rosso intenso del pomodoro si accoppia fantasticamente con la calorosità un po’ grossolana di Vivian; l’aggiunta della caramellizzazione per opera dello zucchero di canna si lega alla frizzante e schicchiolante anima del personaggio; il risotto con cui sono farciti i pomodori è molto delicato e gustoso, anche perché è stato cucinato con dell’ottimo spumante, emblema di raffinatezza, come quella che acquisisce Vivian a seguito delle lezioni di Edward e del suo fedele amico, il direttore d’albergo. Gli ingredienti si sposano meravigliosamente creando questo contrasto ben integrato: la morbidezza, il croccante, il dolce, il salato. Pomodori spumeggianti per una commedia che così si può definire, concessa dalla bravura di ottimi attori e da una trama niente male. 



Ingredienti
(Per 5 pomodori ripieni)
 5 pomodori grandi
6 cucchiai di riso arborio
10 pomodori ciliegino
1/2 bicchiere di spumante
brodo vegetale q.b.
 peperoncino q.b.
olio extravergine d'oliva q.b.
 2 cucchiai di zucchero di canna
qualche foglia di basilico
sale e pepe q.b.
1 spicchio d'aglio



Procedimento.
Lavate i pomodori e tagliate la parte superiore di ognuno, mettendola da parte. Con un coltello ed un cucchiaio scavateli, togliendo la polpa ed i semini. Salate e pepate l'interno che avete scavato, capovolgendo i pomodori su un piatto, lasciandoli così per almeno dieci minuti. Nel frattempo preparate il risotto in un tegame. Versate qui olio d'oliva, aggiungete aglio in camicia schiacciato ed un po' di peperoncino, fate tostare il riso. Aggiungete un po' di polpa di pomodoro tagliata a pezzettini, sempre mescolando. Togliete l'aglio. Versate poi lo spumante, fate evaporare, col mestolo mettete del brodo vegetale. Cuocete solo per cinque minuti. Salate, pepate, aggiungete del basilico tritato e spegnete il fuoco (non lasciate il riso asciutto, la cottura dovrà continuare nel forno, è necessario che rimanga del brodo). A questo punto prendete i pomodori scavati e riempiteli col risotto (non fino all'orlo), versando anche un po' di brodo. Coprite con la parte superiore che avevate tagliato all'inizio, come a coperchio. Adagiate in una pirofila e, negli spazi vuoti, tra i pomodori, mettete dei pomodorini, cosicché non perderanno la loro forma. Irrorate con olio d'oliva e infornate a 180° per circa quaranta minuti. Dieci minuti prima del termine di questo intervallo, spolverate con zucchero di canna. Quando sono cotti, sfornateli e serviteli.
Bon appetit.

Con questa ricetta partecipo al Contest: La commedia è servita!





16 commenti:

  1. Cara Carmela, che bella scoperta! Grazie per avere partecipato! Hai centrato in pieno il concetto di Cinegustologia e la tua analisi cinegustologica è molto convincente ed appassionante. Ovviamente posso a questo punto confessarti di avere visto almeno, credo, 20 volte questo film e che ho sempre fatto il tifo per "quella gran culo di Cenerentola!".
    Sono molto felice di inserirti fra le proposte della "commedia leggera". Adesso hai ancora una possibilità per la Commedia sofisticata. Vai alla grande. Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  2. Dimenticavo, puoi inserire il banner sulla colonna laterale con il link al Contest? Così chi vorrà partecipare potrà seguire le istruzioni. Grazie ancora e un bacione.G

    RispondiElimina
  3. Ma che bonta'*_*. Bravissima. Il tuo blog e' veramente bello ti seguo con piacere se ti va passa trovarmi. A presto.
    www.dolciarmonie.blogspot.it

    RispondiElimina
  4. Bellissima questa interpretazione gastronomica di Pretty Woman, brava!

    RispondiElimina
  5. appetitosoegoloso26 settembre 2012 23:49

    Brava! Hai scelto una bellissima commedia e l'abbinamento con la ricetta è perfettamente riuscito!!! Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La commedia è una delle mie preferite, mi fa piacere che ti abbia colpito ^^

      Elimina
  6. bè ma che dire!! i miei più sentiti complimenti! poi con questo film... uno dei miei preferiti! bacino, sere

    RispondiElimina
  7. Complimenti davvero per la vittoria!!! bravissima. mari

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, Mari ^^ Sono felicissima!

      Elimina
  8. Complimenti, vittoria meritatissima!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
  9. secondo me non era affatto facile realizzare una ricetta su un film così strafamoso, tu sei stata molto brava a interpretarlo con una ricetta così... spumeggiante.
    complimenti per la vittoria!

    ^_^
    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ho dovuto riflettere abbastanza per creare l'abbinamento cinegustologico ... ed è stato un successone! ^^ Grazie, Roberta!

      Elimina
  10. Congratulazioni per la vittoria!!!! :-D

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...